logotype

come si comunica la storia

Edizione 2011-2013

  

Barbara Conserva. Laureata in Lettere Moderne all'Università di Bologna con una tesi su Iconografia e significati della citttà in Italo Calvino (2000). Dal 2001 al 2007 ha condotto laboratori di analisi del linguaggio cinematografico e produzione video nelle scuole elementari, medie e superiori, nell'ambito del progetto Immagini e Suoni promosso dal Comune di Parma. Ha lavorato come giornalista e come filmmaker, dedicandosi egualmente all'organizzazione di percorsi didattici su Cinema e Storia nel Novecento e su Canzoni e Storia. Abilitata all’insegnamento, dal 2006 è docente di materie letterarie (italiano, latino e storia) nella scuola secondaria di 2° grado di Bologna.

 

Stefania Calella. Laureata con lode nel 2005 in Beni Culturali (indirizzo archeologico, architettonico e dell’ambiente) presso l’università di Lecce.
Nel 2007 ha conseguito la qualifica di “Esperto in tecniche di gestione ed automazione di archivi” e nel 2008 il diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica presso l’Archivio di Stato di Bari.
Ha collaborato con la dirigente del servizio bibliotecario dell’università di Lecce al progetto di revisione di un’ enciclopedia settecentesca conservata presso la biblioteca di facoltà. 
Ha partecipato al progetto di schedatura ed inventariazione on line dell’archivio storico privato “Caracciolo – de’ Sangro” di Martina Franca (TA), organizzato dalla Regione Puglia e dall’Università di Lecce, curando in particolare la schedatura del fondo pergamenaceo.
Ha lavorato presso la Provincia di Bologna, settore Provveditorato, per l’inventariazione informatica dei documenti relativi a edilizia scolastica e lavori pubblici.

 

alt

Claudia Capelli. Si è laureata in Scienze della Comunicazione a Bologna nel 2005. Nel 2011 ha conseguito il dottorato di ricerca in sociologia presso l'Università Statale di Milano, con una tesi sulla memoria del comunismo a Bologna. Durante il suo percorso di ricerca si è occupata soprattutto di memoria pubblica – con un particolare interesse per il legame che intercorre tra la dimensione individuale e quella collettiva del ricordo – e del rapporto tra storia e memoria. Dal 2010 collabora con l'Associazione Paolo Pedrelli – Archivio storico della Camera del Lavoro di Bologna, con cui organizza laboratori per le scuole medie superiori sui temi della memoria e della storia italiana contemporanea.

 

Chiara Costa. E’ nata a Bologna il 6 agosto 1985. Nel 2007 si è laureata in Storia Antica presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’università Alma Mater Studiorum di Bologna con una tesi dal titolo “Modelli femminili in età romana”, valutazione 110/110. Nel 2010 consegue la laurea specialistica in Archeologia e culture del mondo antico, sempre presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, con la tesi “La figura di Poppea Sabbina fra archeologia e storia”, valutazione 110/110. Appassionata di musei, dal giugno 2011 lavora presso la Società Cooperativa Working nella qualifica di “addetta ai servizi museali”, con la quale presta servizio presso diversi musei e biblioteche di Bologna quali il Museo della Musica, l’Archiginnasio, il Mambo, la Biblioteca Universitaria. Da luglio 2012 collabora con l’associazione Amici delle Acque e dei Sotterranei di Bologna con attività di ricerca negli archivi storici del Comune di Bologna e di esplorazione, sia in superficie che in sotterranea, attraverso i luoghi inerenti ad acque, rifugi antiaerei, cripte, ghiacciaie, condotti idraulici, civili e militari.

 

alt

Chiara Costantino. Mi sono laureata con lode presso l’Università di Bologna in Letterature Comparate e Culture Postcoloniali nel 2009, con una tesi in Filosofia della Storia dal titolo Il Faust di Friedrich Wilhelm Murnau: un’analisi contestuale. Nel 2011 ho conseguito con voto 110/110 il Master universitario di II livello in Letteratura Inglese, Arte e Informatica presso l’Università di Roma Tor Vergata. Sono nella redazione della rivista Fluster Magazine, che tratta di fotografia documentaria e non, cinema, letteratura, costume, attualità, reportage. Collaboro inoltre con il network animalista AgireOra, per cui traduco articoli en/ita nella sezione “News”. Ho fatto parte del Spc Staff per l’edizione 2011 di Some Prefer Cake, Bologna Lesbian Film Festival. Scrivo racconti, due sono stati pubblicati nell’antologia 2011 del concorsoScrivi con lo scrittore, un altro nell’antologia L’uomo ha bisogno dell’uomo (Edizioni La Gru, 2011).

 

alt

Eddy Olmo Denegri. Nato a Novi Ligure (AL) il 29 settembre 1984. Nel 2008 si laurea con lode in Storia Moderna e Contemporanea presso l’Università degli Studi di Genova discutendo una tesi dal titolo “Voltaire e la storia. Dallacritica alla proposta metodologica”. Nel 2011, con una tesi intitolata “Showing the Good War. La costruzione del mito della guerra buona nel cinema e nella società statunitense fra propaganda e memoria collettiva” consegue a pieni voti la Laurea Magistrale in Scienze Storiche presso l’Università di Bologna. Collabora al blog Spazio di cultura surrealista ed è attualmente iscritto alla Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica presso l'Archivio di stato di Bologna.

 

alt

Chiara DonatiOttobre 2011: Laureata con lode in Scienze storiche, indirizzo contemporaneo, presso l’Università degli Studi di Bologna con una tesi sullo stragismo marchigiano dal titolo La comunità tolentinate e la strage di Montalto. 22 marzo 1944. Relatrice: Dianella Gagliani. Particolarmente attenta alla storia del fascismo e della resistenza italiana, alla storia delle violenze e delle esperienze di guerra, alla storia dell’evento genocidario e al tema della memoria, ha pubblicato saggi su diverse riviste del settore:

•Febbraio 2011: Medici ingegneri e avvocati al confino 1926-1943, in ≪Storia e Futuro≫, numero 25, articolo on line.

•Dicembre 2010: Città di fondazione fascista. La pentapoli pontina, in ≪InStoria>>, numero 36, articolo on line.

•Dicembre 2010: I poteri del nazionalismo e la fine della Iugoslavia, in ≪Storia in Network>>, numero 170, articolo on line.

•Ottobre-Novembre 2010: Il genocidio armeno, in ≪Storia in Network>>, numero 168-169, articolo on line.

 

alt 

Gianna Giannini. Si è laureata con lode in Lettere e Filosofia presso l’Università degli studi di Bari con una tesi su Hannah Arendt e la politica del 900’. Ha collaborato con diversi siti Internet occupandosi di aspetti poco noti legati al periodo della resistenza. Nel 2003 ha vinto un concorso letterario con un saggio sulla figura di Federico II di Svevia. Dal 2008 collabora con l’Associazione Ipogei di Foggia come guida nelle cavità sotterranee e come relatrice in numerose conferenze e manifestazioni storiche. Nel 2009 ha realizzato con successo un progetto multimediale su Federico II per scuole elementari, con l’obiettivo di  “avvicinare i bambini attraverso l’immagine e il gioco alla storia ”. Studiosa di video editing ha realizzato numerosi lavori a compendio della sua attività culturale.

 

 alt

 

Monica Giordani. Nata a Ravenna, laureata con lode in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bologna con una tesi sulla raccolta di novelle Bestie del 900 di Aldo Palazzeschi. Aree di interesse: storia della Resistenza ravennate, storia della Resistenza femminile. Membro di redazione della rivista bimestrale «Resistenza Libertà», organo ufficiale dell’Anpi di Ravenna (Associazione nazionale partigiani d’Italia), dove pubblica saggi e interviste. Attualmente insegnante di Italiano e Storia nella scuola secondaria di secondo grado.

 

 

alt

Michela Giupponi. Mi sono laureata con lode in Scienze Storiche presso l’Università degli Studi di Milano ad aprile 2011 con una tesi dal titolo Letture, illustrazioni, disegni, eleganze, lavoro: «Lidel», un periodico femminile tra dopoguerra e fascismo (1919-1935). Da aprile a settembre di quest’anno ho collaborato al progetto Saperi Selvatici promosso dalla Regione Lombardia per la realizzazione del “Registro delle eredità immateriali della Lombardia”, svolgendo attività di ricerca nell’area della Valle Brembana. Sempre da aprile 2011 sono iscritta al Centro Storico Culturale Valle Brembana “Felice Riceputi” per cui ho scritto il saggio: Milano - San Pellegrino Terme: il centro termale bergamasco attraverso le pagine della rivista milanese di “gran lusso” «Lidel», pubblicato sull’edizione 2011/2012 del volume «Quaderni Brembani, Annuario del Centro Storico Culturale Valle Brembana». Sono molto interessata alla storia delle donne, in particolare al periodo intercorrente tra le due guerre mondiali.

 

 

Paolo Gorini. Mi sono laureato presso l'Universita' degli studi di Milano nel 2010 con una tesi dal titolo "La Marineria nordica della Viking age nella recente storiografia scandinava", per la quale ho svolto alcuni lavori di ricerca presso la Stockholm Universiteetet, coadiuvati dal mio relatore nella sede di origine, Paolo Grillo, dalla disponibilità de professori della sede svedese e dalle sue eccezionali strutture e materiali. Ho affiancato alcuni insegnanti di scuola secondaria, introducendo i ragazzi, per quanto possibile, all'approccio critico alla disciplina storica. Attualmente svolgo attivita' di monitoraggio radiofonico e televisivo presso l'Eco della Stampa.

 


 

Lucia Maddalena Laurenzana è nata a Salerno il 25 luglio 1985. Nel 2008 si è laureata in Storia dell'età moderna presso l'università Alma Mater Studiorum di Bologna con una tesi sulla rivoluzione napoletana dal titolo: La rivoluzione del 1799 a Tito- Potenza, attraverso lo studio di atti notarili. Nel marzo del 2011 presso la stessa università ha conseguito la laurea magistrale in Scienze storiche discutendo la tesi: La controrivoluzione, la lunga marcia del Cardinale Ruffo e la riconquista del regno di Napoli.  
Ha incentrato i suoi studi soprattutto sula storia del regno di Napoli durante la dominazione borbonica.

 

alt

Toni Rovatti. Laureata in storia contemporanea presso l'Università di Bologna nel 2001 con una tesi sulla strage nazista di Sant'Anna di Stazzema - Sant'Anna di Stazzema, DeriveApprodi 2004. Ha conseguito il titolo di dott.ssa di ricerca in Studi storici dell'età moderna e contemporanea nel 2006 presso l'Università di Firenze con una ricerca sulla violenza fascista nella Rsi - Leoni vegetariani, Clueb 2011. Ha partecipato al gruppo di ricerca nazionale "Per un Atlante delle stragi naziste in Italia" coordinato dal prof. Paolo Pezzino. E' stata borsista dell'Associazione Ermanno Gorrieri di Modena, per la quale a svolto uno studio sulle stragi di Monchio e Tavolicci - Fra politiche di violenza e aspirazioni di giustizia, Carocci 2009; e dell'Istituto Nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, per conto del quale ha in corso di redazione una ricerca sull'occupazione italiana nella Provincia autonoma di Lubiana 1941-43. Attualmente è allieva della scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell'Archivio di Stato di Bologna, membro del comitato scientifico di ISTORECO Reggio Emilia, collaboratrice dell'Istituto Gramsci Emilia Romagna e consulente tecnico presso la Procura del Tribunale militare di Verona per i procedimenti penali relativi all' "armadio della vergogna".

 

alt

Sanni Tengvall. Si è laureata all’Università di Helsinki, dove ha studiato Letterature Comparate e Storia. Ha condotto una parte degli studi in Spagna, presso l'Università Complutense di Madrid. I libri sono la sua passione – dal 2007 lavora come editor freelance per case editrici finlandesi, concentrandosi in modo particolare sulla saggistica. Desidera ampliare le sue conoscenze nel campo della comunicazione delle scienze umanistiche e acquisire nuove abilità tecnologiche.

2018  Master in Comunicazione Storica  globbers joomla templates