MASTER
comunicazione storica

Linguaggi della Storia
di , 28 Gennaio 2020, Insegnamenti


Una introduzione alla scrittura non accademica della storia
Gli studenti del Master di Comunicazione storica dovrebbero aver già manifestato abilità di scrittura accademica nella elaborazione delle tesi di laurea e di dottorato o di saggi per riviste. Si tratta ora di renderli abili a manifestare i loro talenti in altre forme di scrittura.
Scrittura divulgativa della storia, scrittura dei libri di testo di storia, scrittura documentaria della storia, scrittura filmica della storia, rappresentazione letteraria della storia, rappresentazione della storia in graphic novel, rappresentazione della storia mediante linguaggi artistici, rappresentazione della storia in videogiochi: sono questi i principali linguaggi mediante i quali attualmente il passato storico è rappresentato.
Qualunque sia il tipo di rappresentazione realizzata, a monte di essa c’è, in ogni caso, la esigenza di trasporre conoscenze e testi accademici o di alta divulgazione in conoscenze e testi destinati a pubblici diversi. Tutti gli altri linguaggi (letterari, multimediali, cinematografici, artistici) possono essere adibiti alla rappresentazione del passato storico solo dopo che siano state scritte trasposizioni e sceneggiature di conoscenze e di testi sorgenti scritti in ambito accademico o di alta divulgazione.
Il Master promuove le competenze molteplici che possano essere funzionali alla comunicazione divulgativa o didattica efficace delle conoscenze storiche.
Tali competenze sono messe in gioco nel “capolavoro di apprendistato” che è presentato a conclusione del corso. In genere gli studenti-apprendisti hanno una preferenza a mettersi alla prova con la comunicazione multimediale documentaristica e divulgativa. Ma qualunque sia l’opzione c’è alla base della produzione la necessità di fare i conti con i testi storici “esperti” o “divulgativi” che si scelgono come testi di riferimento e di trasporli in testi che fungano da canovacci o script nel processo di produzione del documentario audiovisivo.
Ci sono, però, dei campi di applicazione delle competenze promosse dal Master che richiedono la elaborazione di testi come principale attività: sono il campo della divulgazione storica e quello della costruzione di conoscenze e di testi scolastici destinati a mettere in moto e sostenere i processi di apprendimento.
Sia nell’uno che nell’altro campo non è ormai possibile prescindere dall’uso di risorse digitali. Anzi si è ormai profilata la necessità di elaborare modelli specificamente digitali di comunicazione storiografica.

Obiettivi
Per queste ragioni, il corso sarà organizzato per insegnare a:

Nel corso si alterneranno lezioni ed esercitazioni di analisi di testi e sarà richiesta la scrittura di testi come 
prove di apprendistato. 
Prima dell’inizio del corso ho intenzione di sondare il rapporto degli studenti con la lettura e la scrittura della storia mediante un questionario che attivi una sorta di autobiografia di studenti, di lettori, di scrittori di storia. E chiederò l’invio di un capitolo della tesi di laurea o di dottorato.
Le autobiografie dei frequentanti come studenti, lettori e scrittori di storia serviranno a conoscere le idee ricevute sulla storia, gli studi pregressi, i gusti e le aspettative.
Il capitolo di tesi servirà a conoscere le pratiche e gli stili di scrittura da cui partire per i nuovi percorsi di apprendimento della comunicazione storica.

Riferimenti bibliografici:

login | privacy